I turisti del Nord vengono in Albania. Se non soddisfatti dalle condizioni logistiche voleranno via

di Nertila Maho

L’11 maggio 2018 un aereo con turisti proveniente dai paesi del nord atterrerà a Rinas e l’autobus sarà scortato a Golem. I vacanzieri si avvicinano all’hotel che hanno prenotato per una settimana di vacanza in Albania, ma l’aereo non lascerà l’aeroporto. Rimarrà pronto se, se a qualcuno non piace l’infrastruttura o l’albergo. Quello descritto è un riflesso della realtà albanese. Ci sono voluti quasi due decenni perché gli stranieri guardassero all’Albania e ci prendessero sul serio come destinazione turistica, ma molti hanno ancora le loro riserve. Sono le squadre ispettive dell’agenzia nordica Apollo, che hanno visitato Golem e hanno trovato la strada per tornare al lavoro.  Gli ispettori dell’Agenzia nordica stanno portando i turisti nel nostro paese ogni due settimane a Golem per valutare le prestazioni di sicurezza dei lavori stradali, i servizi degli alberghi, la cucina e ogni altro dettaglio importante per una vacanza. Finora, l’unico colpevole che è stato identificato sono i lavori nell’area di Mak Albania: “La nostra prova di quest’anno sono i turisti provenienti da Svezia, Finlandia, Danimarca. “Partendo delle infrastrutture citate quelli contrassegnati come lacuna vengono indicati e entro la fine di marzo si aspetterà per vedere come sarà la situazione”. Se il lavoro non promette bene e l’infrastruttura non è pronta, è stato stabilito con la compagnia aerea Rinas Aeroporto di non estendere il periodo di attesa del velivolo. Quindi l’aereo arriverà per portare turisti. Saranno scortati in autobus fino all’hotel e se non piace, l’autobus sarà pronto per tornare all’aereoporto. Speriamo che questo non accada e non vi siano casi del genere, ma il rischio esiste, si può ragione e dire che è un disastro per il nostro turismo, dice Rahman Kasa, presidente dell’Unione del turismo albanese e responsabile Happy Tours che ha anche firmato un accordo con l’agenzia Apollo operante nei paesi nordici. Non è la prima volta che l’indifferenza dello stato mette a repentaglio il buon andamento della stagione turistica. Ironicamente, dopo ogni stagione, la parte infrastrutturale diventa il problema principale da risolvere, ma ciò non accade. E ancora peggio, iniziare il lavoro nello stesso tempo di arrivo della stagione, in alcuni casi genera un’avventura per niente piacevole. Gli operatori hanno ricevuto un impegno da parte del governo che funzionerà almeno Golem e sarà completata prima dell’estate, ma vedremo. Gli Alberghi sono riusciti in tutto questo caos e e le infrastrutture con problemi d’acqua e di elettricità stanno testando le proprie condizioni per creare oasi di vacanza che attirano i turisti d’élite

I polacchi sono di nuovo i primi, ma molti sono i russi.

I polacchi, come l’anno scorso, continuano ad avere un grande interesse a visitare l’Albania. Arber Shehu, socio del Sandy Beach Resort di Golem, ha affermato che almeno il 70% delle stanze è riservato a tale nazionalità “La domanda è cresciuta abbastanza e ha superato tutte le nostre previsioni. Le prenotazioni sono in aumento e il numero di prenotazioni è più alto di un anno fa. Costatiamo un aumento di cechi e nordici, ma la maggioranza dei turisti è di nazionalità polacca. In totale, il 70% della domanda proviene dai polacchi, mentre il resto appartiene ad altri gruppi. Notiamo che non c’è un aumento significativo per gli ungheresi, che hanno avuto aspettative positive”.  L’aumento della domanda è confermato anche dal Managing Rahman Kasa di Happy Tours. “Coloro che dominano le prenotazioni sono i polacchi, ma non solo. Almeno, a partire dall’apertura della stagione, abbiamo circa 10 aeroplani a settimana dalla Polonia, 3 aerei dalla Slovacchia, 2 dalla Repubblica Ceca e 5 voli charter dai paesi nordici. I turisti del nord arrivano per la prima volta a Durazzo e inizialmente abbiamo avviato con le prenotazioni di 3 aerei a settimana, ma abbiamo raggiunto il quinto e in questo modo viene soddisfatta la metà della capacità precedentemente attiva”, afferma Kasa. Un altro elemento è la presenza di russi e ucraini, ma in misura minore. Tale presenza ancora non può essere considerata una moda in quanto rimane modesta. Ciò è stato sperimentato da un’agenzia che copre la parte del Montenegro e alcune strutture si stanno trasferendo in Albania per provare con dei test.

Pacchetti, polacchi e cechi “all inclusive”.

Nonostante lo scetticismo, quest’anno gli hotel nell’area del Golem si sono impegnati a offrire servizi eccellenti.  Il costo varia dai 5-6 euro e il profitto è minimo. “Abbiamo tutti i pacchetti ‘all-inclusive’, o semplicemente pacchetti con colazione. Questo è il primo di quest’anno, quindi per noi è un anno di test. Abbiamo selezionato i modelli di pacchetto in anticipo, negoziando con l’agenzia. È un insieme di cucina tradizionale albanese e menù nordico. C’è un piccolo vantaggio e il costo varia fino a 5 euro a pacchetto, ma anche se non ci fosse profitto, qui hai un bonus integrato che giustifica la quota di profitto per gli altri servizi che offriamo”, afferma l’imprenditore Fatos Çerenishti di Fafa Resort. Secondo Arber Shehu del Sandy Beach Resort, quest’anno dovrebbe essere gestito meglio nella sezione dei pacchetti. “Anche quest’anno abbiamo delle riserve per il tutto incluso”. Abbiamo imparato dall’anno scorso e abbiamo stabilito relazioni con i fornitori. È positivo che abbiamo creato una storia per fare una previsione sulla quota di consumo “, dice. Shehu L’ Amministratore del Prestige Resort, dichiara che i servizi dell’hotel sono “bed and breakfast” (pernottamento e prima colazione) per il pacchetto Nordico mentre è tutto compreso (alloggio e tre pasti) per i polacchi, cechi e slovacchi. Abbiamo una piccola sfida con russi, ucraini e ungheresi, che portano un’agenzia Aler Travel (ucraina), ma sono solo pacchetti solo con la colazione. In generale si concorda che il 50% del cibo è tradizionale albanese e il 50% italiano. Il nostro problema non era trovare fornitori e offrire pacchetti, ma trovare personale qualificato. Questa è una crisi che pensiamo esista e sta costando un sacco di affari”, hanno dichiarato dalle agenzie della Norvegia. Come dichiarato da Rrahman Kasa, presidente dell’Unione turistica albanese e dell’Happy Tours Manager: “I turisti Nordici: un’occasione d’oro per l’Albania che può trasformarsi in suicidio”.  Per la prima volta verso l’Albania arrivano coloro che sono qualificati come turisti d’élite, che pagano bene e restano più a lungo. Si tratta dei turisti dai paesi nordici che includono Svezia, Finlandia o Danimarca, che hanno già prenotato per le strutture ricettive a Golem. Quest’anno, sono i secondi, dietro i polacchi. Rahman Kasa, presidente dell’Unione turistica albanese e Happy Tours Manager, ha detto al quotidiano stampa “Monitor” che questa è un’occasione d’oro per l’Albania ma che può trasformarsi in suicidio se non è gestita correttamente.  I turisti saranno portati all’hotel e se non gradiscono l’infrastruttura o qualche servizio, hanno il diritto di ritornare. Questo, secondo Kasas, è il fattore in cui si dovrebbe porre maggiore enfasi: il miglioramento delle infrastrutture.

Mancano alcuni mesi per la stagione turistica estiva. Quali sono state le prenotazioni della stagione? Chi viene in Albania?

Come l’anno scorso, quest’anno, abbiamo operato con prenotazione anticipata. Le società straniere che prenotare attraverso di noi, sono dotati di garanzie. Ciò significa che, se i turisti vengono meno e le camere restano vuote, il pagamento è lo stesso effettuato. Un contratto di garanzia. Coloro che dominano le prenotazioni sono polacchi, ma non solo. Noi, almeno, a partire dalla apertura della stagione, abbiamo circa 10 aerei a settimana dalla Polonia, tre aerei da Slovacchia, due provenienti dalla Repubblica Ceca, ma anche voli charter provenienti da cinque paesi nordici. I cittadini nordici si avvicinano per la prima volta a Durazzo e abbiamo iniziato con tre prenotazioni aeree a settimana, ma finora abbiamo raggiunto in cinque decolli a settimana. Il mercato nordico è in genere un mercato che ha la stagione più lunga e il turista che paga bene.

Come è stato possibile il loro arrivo in Albania?

Piuttosto, è lo sforzo di marketing e il lavoro dei tour operator. Un impatto importante è stato dato alla partecipazione a fiere commerciali. Siamo stati attivi in ​​questi eventi e questo ha normalmente influenzato la promozione dell’Albania come destinazione turistica. Tuttavia, siamo consapevoli della differenza che i due mercati stanno affrontando oggi, vale a dire la Polonia e i paesi nordici. Questi ultimi sono più esigenti perché pagano di più. Ogni due settimane arriva una squadra di ispettori della loro agenzia che viene informata della situazione. Qualcuno viene per la sicurezza, un altro per le infrastrutture, qualcun altro per l’hotel e i servizi. Quindi sono in costante contatto con noi.

 

Dalle ispezioni che hanno fatto, cosa vedono con scetticismo dai paesi nordici? Cosa è evidenziato come preoccupazione?

La preoccupazione principale resta l’infrastruttura, sia per loro che per noi. Nell’area di Golem, ci sono ancora opere in ristrutturazione in alcuni degli alberghi a cui sono state fatte prenotazioni. Per ora, l’area di Mak Albania è completamente da rifare e abbiamo avuto l’impegno dal Primo Ministro Rama, che il segmento principale da Mak Albania e la rotonda a Murrizi finirà prima dell’inizio della stagione.

Quanti alberghi sono stati prenotati nell’area di Golem e cosa hanno preferito scegliere i turisti in termini di pacchetti?

Solo l’Itaka dispone di 20 hotel riservati ai polacchi con pacchetto “All Inclusive”In generale, le prime impressioni che abbiamo ricevuto sono soddisfacenti. I cittadini nordici hanno preferito prenotare l’hotel solo con colazione inclusa. Il 2017 è stato un test di un anno per “il tutto incluso”.

Dalle nostre conversazioni con i rappresentanti degli hotel abbiamo appreso delle sanzioni che sono state applicate dall’agenzia polacca Itaka in occasioni speciali. Puoi darci maggiori dettagli su quali sono state queste sanzioni?

È molto semplice: Itaka ha le condizioni contrattuali che l’hotel deve completare. Se una “X” turistica scopre che la compagnia non è stata rispettata, allora secondo la Legge sul turismo internazionale di Francoforte, può presentare un reclamo. L’agenzia ha i propri delegati per il monitoraggio che, insieme ai delegati albanesi, completano il file e il cliente può passare l’addebito all’agenzia, e quest’ultimo arriva all’hotel. Ci sono stati alcuni casi l’anno scorso, ma speriamo di non rivederli quest’anno poiché abbiamo più esperienza.

 

Quando inizia ufficialmente la stagione estiva ufficiale, in base alle prenotazioni che sono state fatte?

 

Per questa stagione 2018, le strutture sono state prenotate già nel 2017 dalle agenzie. Dalle risorse interne che abbiamo, hanno venduto più della metà dei posti, ma ci saranno altre vendite di pacchetti. Secondo le prenotazioni presso la nostra agenzia, la stagione inizia l’11 maggio con i cittadini nordici che hanno prenotato per 141 notti, vale a dire più di quattro mesi, mentre i polacchi hanno si estendono fino a 133 giorni. È degno di nota un’estensione della stagione derivante dal popolo nordico che, come abbiamo detto, ha quasi 5 mesi.

Pensi che quest’anno sarà migliore di un anno fa?

L’unico problema che vedo al momento è l’infrastruttura, tutto il resto penso sarà migliore. Gli hotel hanno esperienza, sanno cosa li attende. Hanno imparato dall’anno scorso. La nostra vera prova restano i turisti provenienti da Svezia, Finlandia, Danimarca. Quindi l’aereo arriverà per portare turisti. Essi saranno accompagnati in pullman verso l’hotel. Se trovano la situazione come oggi, è probabile che la metà ritornerà.

In relazione all’anno precedente, c’è un aumento di interesse? Torna chi ha visitato in precedenza l’Albania?

Tutti i gruppi che ho citato – cechi, slovacchi, polacchi e nordici – stanno crescendo. Molto i cittadini nordici.

Ma dagli altri mercati, c’è un aumento di interesse?

Quest’anno c’è anche un’espansione dei mercati russo e ucraino. Ma, ancora una volta la cifra è modesta. C’è anche un’organizzazione da questi mercati verso l’Albania. Vi è anche una richiesta da parte della Romania e dell’Ungheria, ma questi gruppi hanno una stagione breve e non trovano alloggio, poiché i buoni alberghi affermati richiedono agli operatori di garantire una permanenza più a lungo termine.

L’epicentro sembra essere Golem, probabilmente perché ci sono più strutture.  A Vlora, o nel Sud, non vedi la possibilità di espansione?

Siamo anche entrati a Valona, ​​ma poco. Oltre alla mancanza di alloggi vi è anche il problema del Fier Bypass, perché il transito dall’aeroporto all’hotel è troppo lungo. Abbiamo anche provato a portare un piccolo numero a Dhermi, Himara e Saranda. Notiamo che c’è un aumento di interesse per Shengjin, ma non ci sono molti hotel perché non possono implementare il pacchetto “tutto incluso”. Nel 2019 stiamo valutando la possibilità di espandere le prenotazioni a Velipoja, con un arrivo da Podgorica che è più vicino.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni e delocalizzazioni in Albania non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network

http://www.italian-network.net

https://albaniainvestimenti.com/

FaceBook: Italian.Network

LinkedIn: italian-network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...