Startup, come sta emergendo la “Silicon Valley” albanese

Tirana non è ancora una “Silicon Valley”, poiché le start-up hanno iniziato a comparire circa cinque anni fa. Tuttavia, il loro numero cresce ogni anno. La natura di queste iniziative riguarda principalmente il settore della tecnologia dell’informazione, ma anche il servizio o l’intrattenimento. Entro il 2018, il governo renderà disponibile un fondo di 10 milioni. D’altra parte, l’impresa manifatturiera, in collaborazione con il governo, ha preso l’iniziativa per facilitare l’avvio innovativo attraverso lo sviluppo di un quadro normativo …

di Deada Hyka

Alcuni lo chiamano “imprenditori dell’ energia”, altri “fortunati”, ma anche capaci, ma una cosa è tutta d’accordo con la comunità di startup, Tomi Kallanxhi è sicuramente una delle storie di successo nel campo dell’avvio della tecnologia . Non è stato difficile percepire da quella fonte di energia e dalle idee rivoluzionarie di cambiare il mercato interno, affermando che “il futuro dell’Albania è la tecnologia”. “Innovo o muori, disse Jack Matson nel 1996. Ed ha perfettamente ragione”, dice Tomi, attualmente direttore del Big Media Expert, Shpi.al e Altropost, la sua ultima startup per sei mesi. La comunità di startup è giovane, energica ed è gestita da giovani con ambizioni che credono fortemente che le startup abbiano un futuro sicuro in Albania, specialmente nel campo della tecnologia. Tuttavia, gli esperti che operano nel campo delle start-up affermano che dall’idea di un’azienda alla vendita di un prodotto, il percorso che ogni imprenditore deve percorrere è lungo. Come in ogni attività ci sono difficoltà. Il primo passo, ma non necessariamente necessario, è la partecipazione a una gara di idee, come Startup Weekend o Startup Live. Queste razze sono ampiamente conosciute in queste comunità. Una cosa che la comunità consiglia di cambiare è la percezione errata di ciò che questi eventi porteranno a un successo convincente. Va tenuto presente che ciò che queste razze fanno è solo un filtro dell’idea e ottenere alcuni suggerimenti dai mentori. I vincitori di queste gare sono ugualmente difficili da creare una startup di successo. Dopo queste competizioni, procedi alla produzione di un prodotto minimale e funzionale (MVP). Questo può essere fatto molto bene in incubatori o acceleratori. Solo dopo la fine di questo processo si può dire che c’è qualcosa che può essere presentato, registrato, commercializzato, nella speranza di generare reddito. Il prodotto o l’idea possono prendere investimenti in qualsiasi fase del ciclo di vita della startup, sebbene l’accesso a fondi di aiuti di stato, come AIDA, sia stato ogni 2 anni di longevità, che è cambiato e ora è di 0-2 anni.

 

Arben Shkodra, segretario generale dell’Associazione dei produttori, afferma per “Monitorare” che l’impresa manifatturiera, in collaborazione con il governo, ha preso l’iniziativa di facilitare l’avvio innovativo attraverso la stesura di un quadro legale per facilitare l’apertura, la registrazione e il funzionamento dell’avvio dell’innovazione .

Startups, nel 2018, il fondo vale 10 milioni di lek

Nel mese di settembre 2014, il governo ha deciso di istituire un fondo di sostegno per i giovani imprenditori, startup, che avrà una durata di quattro anni. La decisione considerava una nuova impresa o “startup” per una società di nuova costituzione che cercava mercati. La principale fonte di finanziamento è lo stato, ma non sono esclusi donatori stranieri o istituzioni finanziarie internazionali. Sei sono i settori che in base a questa decisione possono beneficiare di questi fondi: produzione e servizi, industria leggera, turismo, ricerca e sviluppo, agro-trasformazione, nonché design, modellistica e artigianato. Nel 2014 il governo aveva stabilito che tali fondi potessero beneficiare solo delle startup che erano state registrate a NRC per un periodo di 1-2 anni. Ma proprio di recente, il governo per promuovere queste nuove iniziative, e per dare loro maggiori opportunità di finanziamento, ha deciso di cambiare questo periodo e renderlo uno 0-2 anno di iscrizione a NRC. Secondo i dirigenti della Investment Development Agency per il 2018, il fondo reso disponibile per il supporto all’avvio è di 10 milioni di ALL. Secondo AIDA, il fondo start-up mira a sostenere le imprese start-up in Albania attraverso sussidi finanziari diretti per questa categoria di attività, migliorando il loro clima e le condizioni operative, al fine di stabilire le basi per uno sviluppo economico sostenibile, oltre a creare nuovi posti di lavoro. Possibile applicare, soggetti registrati al NAC, da 0-2 anni. I costi copribili sono del 70% sotto forma di sovvenzioni e del 30% in azienda. Ogni azienda può beneficiare di non più di 500.000 di TUTTI per ciascun progetto. I costi coperti dal programma comprendono: Investimenti in attrezzature e tecnologia per la promozione della produzione / servizio; Promozione, pubblicazione e progettazione di materiali promozionali; Personalizzazione del prodotto – compresi packaging ed etichettatura; Qualificazione e formazione per aumentare le capacità imprenditoriali; Creazione di pagine Web e sviluppo del commercio elettronico; Partecipazione a una fiera o esposizione all’interno o all’esterno del paese, come visitatore o espositore.

Comunità

In Albania ci sono diversi ecosistemi che costituiscono la rete di comunità di startup. Tuttavia, si deve dire che sono ancora fragili rispetto alla rete gemella del mondo, hanno già adottato le misure più sicure, la via delle startup e il loro incoraggiamento. Esperti in questo campo affermano che attraverso di essi i giovani sono maggiormente in grado di sviluppare le loro idee e trovare forme di consegna in un prodotto o servizio. Startups.al ha in sostanza la capacità di identificare le startup albanesi con opportunità di sviluppo attraverso i confini albanesi e di fornire investimenti per promuoverle come imprese nel mercato internazionale. Garage è un’altra organizzazione altamente innovativa, creata con lo scopo di fornire supporto alla comunità di startup albanese, all’IT e agli entusiasti dell’imprenditoria innovativa. Per tutti coloro che hanno già iniziato la strada, il garage li aiuterà nella formazione continua in aree che sono di interesse per le start-up. Il loro programma comprende una varietà di corsi di formazione su diversi linguaggi di programmazione, tecniche di marketing e marketing digitale, iniziative, ricerca e gestione di risorse finanziarie. Tra gli altri attori della rete di avvio, possiamo menzionare lo Startup Weekend, in collaborazione con Protik, che fornisce vari servizi, completando la rete di ecosistemi. Uno degli organizzatori di Startup Weekend, Ergest Nako, afferma che due sono i pilastri principali che svilupperanno l’ambiente di avvio in Albania: la buona idea e il suo finanziamento. “Se guardiamo alla situazione in Albania, non mancano idee nel campo delle startup tecnologiche. Piuttosto, sono nell’arena tecnologica, rispetto all’avvio in agricoltura o nel servizio, è più facile per un’idea nella tecnologia dell’informazione diventare realtà, con meno rischi “, dice Ergesti, che afferma che i giovani già viene anche insegnato cosa significa fallire e perdere. Startup Weekend Tirana è diventato uno degli eventi più importanti per aiutare innovatori, giovani e professionisti a creare imprese.

Durante l’evento, una delle cose che le squadre stanno imparando è che nulla può essere fatto da solo e questo è l’inizio dell’ecosistema. Seguiamo i team e dopo la fine dell’evento, consigliando e aiutandoli con opportunità, o collegandoli con altri attori che possono aiutarli nel loro viaggio. Queste sono le misure necessarie per rafforzare l’ecosistema e collegare i vari attori del settore. Startup Weekend non è l’unico attore in questo settore, quindi cerchiamo sempre di rendere il processo inclusivo e di collaborare con tutti gli altri attori, creando collegamenti tra loro e le startup “, afferma Ergesti.

 

Startup Grind, un altro ecosistema, costruito per educare, ispirare e connettere nuovi imprenditori. L’iniziativa fa parte delle due capitali albanesi, Tirana e Pristina. Ogni mese, gli incontri si svolgono in oltre 150 città e 65 stati con inviti di imprenditori locali, fondatori di aziende e investitori che condividono con questa comunità le storie e le lezioni apprese da un’impresa.

Innovation Hub, uno spazio pubblico creato 2 anni fa che offre ai giovani formazione, tutoraggio o opportunità di connettersi con gli investitori interessati ai loro prodotti.

 

Potenziale di start-up albanese

 

Ci sono due pilastri principali che conterrà l’ambiente di avvio in Albania: l’idea migliore e il suo finanziamento. Non mancano idee nel campo delle startup tecnologiche. Più sono nel campo tecnologico, in confronto con l’avvio in agricoltura o servizio, è facile un’idea nel campo delle tecnologie dell’informazione per diventare una realtà, con meno rischi

Centro di innovazione

I produttori dell’Unione degli albanesi, come membro fondatore del polo di innovazione, ha partecipato alla organizzazione delle attività con il tema “Avvio – Innovazione – Future”, organizzato dall’Agenzia Nazionale Società dell’informazione. Questo evento è stato discusso circa le esigenze di start-up in Albania, la progettazione di un piano efficace per il funzionamento e l’uso del centro, l’impegno delle industrie manifatturiere per sostenere start-up e l’innovazione, ma anche per le iniziative legali che sono progettati per rendere le startup albanesi più sicure e più stabili all’interno e all’esterno del paese.

Problemi di start-up albanesi

Tomi è il fondatore di Big Media Expert, una start-up con 11 dipendenti. Ma, secondo lui, shpi.al rimane il suo primo amore. È il primo sito immobiliare albanese (app) che viene offerto agli utenti di app per iPhone e Android. Questa applicazione è stata la prima sviluppata nel nostro paese. Prima di 6 mesi, ha anche lanciato Altropost, un’applicazione che gestisce la gestione delle pagine di Instagram.

Instagram viene sempre più utilizzata dal business della comunicazione del marchio. La caratteristica di questo social network è che finora i post sono consentiti solo sul cellulare e non possono essere programmati. Tutta questa procedura si traduce in un danno di tempo e di energia sprecato. Ad oggi, i gestori dei social network per un’azienda hanno dovuto modificare le foto nel libro fotografico del computer, inviarlo al cellulare con la foto di Whatsapp e poi inventare “zilen” per ricordare l’ora esatta del post, metti tutto a metà e posta.

 

Da ottobre 2017, Altropost.com offre soluzioni a due problemi. Carica le foto direttamente dal tuo desktop / laptop e pianifica tutti i post dal tuo computer. In soli 30 minuti, puoi pianificare i post per l’intera settimana accedendo alle foto sul tuo computer, Google Drive, One Drive o Dropbox. Fino ad ora, Altropost è stato accolto molto bene e utilizzato da oltre 100 clienti paganti in soli 6 mesi di esistenza “. Secondo lui, uno dei maggiori problemi della startup albanese è il fatto che non esiste una strategia ben definita in questo ambito per dare la priorità a queste startup o idee per essere più incoraggiate a svilupparsi in un mercato che ha ancora molto da dare. Tomi ritiene che il mercato interno abbia ancora bisogno di molti buoni modelli di business, come all’estero, e dovrebbe trarre vantaggio da queste opportunità, purché i giganti stranieri non siano entrati in Albania. Secondo lui, una vera strategia in questo contesto sarebbe quella di creare una rete di imprese nel campo del futuro, ciò che a lui piace chiamare “L’inizio della quarta rivoluzione industriale”. Pertanto, anche la forza lavoro, il capitale umano più utile in questo settore, non andrebbe in Germania o altrove per lavorare, ma investirà qui.Tuttavia, secondo Ergest Nako, da Start Up Weekend Tirana e Protik, i giovani albanesi sono spesso depressi o addirittura pigri per porre fine alle loro idee. Mentre Tom sottolinea un altro problema problematico, le cui radici portano all’attuale modello educativo. Secondo lui, poiché molte aule studentesche si stanno sviluppando rapidamente nel campo della tecnologia dell’informazione, cercano certamente idee per lo sviluppo del mercato del lavoro o del business. Tuttavia, hanno poche conoscenze pratiche man mano che emergono dalle banche scolastiche. “Per addestrarli o prenderli come praticanti, dobbiamo pagare una tariffa mensile di 7.000 TUTTI, in base alla legge applicabile per l’impiego come tirocinante. Questo onere fiscale è un elemento negativo anche per le piccole imprese come noi “, afferma.

 

Uno dei maggiori problemi di start-up albanese è il fatto che non esiste una strategia ben definita in questo ambito per dare la priorità a queste startup o idee, per essere più incoraggiati a svilupparsi in un mercato che ha ancora molto da fare è stato dato

 

World Business Index, Albania dal basso

 

Il rapporto GEDI per l’imprenditoria mondiale 2018 sottolinea che l’imprenditorialità è un importante motore di sviluppo economico. Senza di essa non ci sarebbe innovazione, la produttività aumenterebbe a tassi bassi e anche i posti di lavoro sarebbero scarsi.

 

Secondo il rapporto, l’Albania riceve una punteggiatura del 24% nello studio totale dei componenti considerati, il penultimo della regione, lasciando solo la Bosnia ed Erzegovina, al 95 ° posto, con il 21%.

 

Il migliore nei Balcani si è esibito quest’anno in Croazia 54, Montenegro 60, Macedonia 66, Serbia 74. Secondo i dati dettagliati per il nostro paese, il campo più forte a cui siamo inclini è “capacità di startup” che riceve una valutazione del 68%, mentre ciò che indebolisce questo studio, “accettazione del rischio”, 6%. Tra le altre componenti, citiamo la percezione di opportunità, rete, supporto culturale, competitività e internazionalità che si collocano allo stesso livello. In qualche modo, secondo il rapporto, è meglio vedere, l’adattamento con la tecnologia, il capitale umano, le prestazioni di crescita e l’innovazione di prodotto.

Iniziativa

Le imprese manifatturiere, in collaborazione con il governo, hanno preso l’iniziativa di facilitare l’avvio innovativo attraverso la stesura di un quadro giuridico per facilitare l’apertura, la registrazione e il funzionamento dell’avvio dell’innovazione.

 

Esempi mondiali

Avviare un’impresa in qualsiasi parte del mondo richiede coraggio, un’idea commerciabile e, naturalmente, denaro. Ma alcuni stati rendono l’ambiente un po ‘più facile e stimolante, perché le startup si alzino. US News e World Report hanno classificato, secondo alcuni criteri, i migliori stati per gli imprenditori che aprono una startup. I criteri erano: competitività, competenze umane e istruzione della forza lavoro, infrastrutture sviluppate, buon quadro giuridico in questo settore e facilità di accesso al capitale. L’Albania non è in questa lista. Di seguito sono riportati gli stati principali:

Germania

Come la quarta più grande economia del mondo e la più grande d’Europa, la combinazione tedesco della cultura d’impresa trasparente, forza lavoro con istruzione superiore e politiche favorevoli al principio di avvio, posizionare l’elenco nella parte superiore dell’indice.

Giappone

Il Giappone è stato a lungo un paradosso nel mondo degli affari, dove una cultura tradizionalmente in pericolo ha portato l’innovazione che cambia il mondo. “La vecchia tecnologia come i fax è presente, ma siamo anche circondati da esempi degli ultimi robot e di alcune delle idee e dei dispositivi più belli e avanzati”, ha dichiarato Joanna Crisp, direttore generale della compagnia di viaggi PEAK DMC Giappone,

Gli Stati Uniti

The American Dream – dove chiunque può fare ciò che vuole, se lo fa, stabilisce ancora gli Stati Uniti con ottime condizioni per avviare un’impresa. Le recenti iniziative tecnologiche di successo hanno sede a Silicon Valley, in California, a New York e in altre città degli Stati Uniti.

Regno Unito

Anche se Brexit ha creato qualche incertezza sul futuro delle relazioni commerciali della Gran Bretagna con l’Europa, molti imprenditori credono ancora che è un buon posto per avviare un’impresa, a causa delle basse barriere all’ingresso e forte comunità di business e attrarre talenti.

Svizzera

In parte a causa della mancanza di risorse naturali, la Svizzera ha investito a lungo in ricerca e sviluppo per aumentare la propria economia. Questa zona è ben pagata in quanto attira il paese come leader internazionale nel settore bancario e finanziario. Oltre ad un ambiente normativo amichevole e ad aliquote fiscali favorevoli alle imposte, gli imprenditori svizzeri beneficiano anche della sua posizione centrale in Europa, facilitando il commercio e la ricerca di talenti.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni e delocalizzazioni in Albania non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
http://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com/
FaceBook: Italian.Network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...