Area di 800 ettari per la coltivazione di melograni, bacche di goji, calce e avocado crescerà nell’area di Karavasta

Il gruppo Agro Iliria Shpk ha deciso di investire almeno € 6,6 milioni per questo progetto,  un investitore strategico che ha acquistato terreni per una somma simbolica di 1 euro. Tuttavia, lo spazio, la divisione delle aree e l’espirazione dovrebbero passare attraverso una decisione governativa speciale. Il progetto sembra completare la condizione di impiego che ha permesso l’approvazione del Comitato per gli investimenti strategici, in quanto si prevede che saranno impiegate almeno 365 persone durante la costruzione e il lavoro di utilizzo. Con riferimento ai documenti, Agroiliria Group si prevede di concludere un contratto con Trema Engeneering per la sua implementazione. Ciò è anche sottolineato nella decisione CSI. “L’approvazione  dello status di investimento / strategico assciura procedura per il progetto di investimento con potenziale strategico“.

Lo status dell’azienda viene assegnato per un periodo di tre anni, mentre verrà data la priorità alla questione del completamento dei documenti e alla facilitazione della burocrazia. Agro Illyria gruppo è stato istituito all’inizio del 2015 e l’attività principale è l’esportazione – importazione di tutti i prodotti e sottoprodotti agricoli, bestiame, cibo, orticole, alcoliche e non alcoliche prodotte da questi prodotti, materie prime, agroinputeve e materiali servizio biologico per questi settori e agroindustria, ecc. Gli azionisti sono con il 50% di Shpëtim Orseku e Ilir Trebicka. Mr. Trebicka possiede anche il 49% di una delle più grandi imprese di costruzione nel paese, la Trema Trema Engineering 2.

Per il 2016, Trema Engeneering 2 ha registrato un fatturato di circa 43 milioni di euro e un utile netto di 1 milione di euro, secondo il suo bilancio ufficiale. Negli ultimi anni c’è stato un aumento dell’interesse delle imprese di costruzione a diversificarsi nel settore agricolo, principalmente nell’allevamento di bestiame. L’agricoltura rappresenta circa il 20% del prodotto interno lordo del paese e la sua quota è aumentata leggermente negli ultimi anni, dopo il forte calo degli anni ’90, quando nei primi anni di transizione ha contribuito a circa il 50% economia.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...