L’oliva, il melograno e l’aneto sono il futuro dell’Albania

Uno studio condotto da esperti della Banca mondiale ha recentemente dimostrato che l’Albania può diventare competitiva nell’esportazione di prodotti agricoli con olive, melograno e aneto. Ma la crescita della produttività in queste culture non può essere raggiunta senza risolvere l’alta frammentazione del suolo e …

L’Albania dipende in gran parte dal settore agricolo, che rappresenta il 20,3% del PIL, con circa il 38% dell’occupazione e l’8,5% delle esportazioni totali. Secondo i dati ufficiali di INSTAT, in particolare il settore ortofrutticolo, rappresenta il 20% dell’agricoltura albanese. D’altra parte, contribuisce con il 36% delle sue esportazioni e questo peso è aumentato rapidamente negli ultimi cinque anni.

Mentre il mercato interno di molti di questi prodotti è saturo, frutta e verdura albanese hanno guadagnato terreno nei paesi dei Balcani occidentali e sono ben posizionate in alcuni paesi dell’UE. Tuttavia, i produttori albanesi sono soggetti a numerose restrizioni all’esportazione di prodotti agricoli verso i paesi dell’Unione europea.

D’altra parte, i responsabili delle politiche nel nostro paese non hanno creato una strategia agricola efficace che potrebbe aumentare il valore aggiunto in agricoltura e renderla competitiva almeno nel mercato regionale. Esperti della Banca mondiale e dell’International Finance Corporation hanno condotto uno studio sulla redditività dei prodotti agricoli. Utilizzando la metodologia di analisi della catena del valore, IFC Albania, parte del Gruppo Banca Mondiale, ha recentemente identificato un elenco di quindici prodotti albanesi, principalmente frutta e verdura, che sono competitivi nei mercati regionali.

L’uso di una matrice, che classificava le esportazioni in base al tasso di crescita e all’origine del paese, identificava le olive come le esportazioni più promettenti. La domanda di olive sta crescendo rapidamente a causa del suo uso sempre più diffuso nell’industria cosmetica. Lo studio ha rilevato che dopo l’oliva, l’Albania sembra avere il vantaggio di produrre ed esportare noci, porri, cavoli e cavolfiori. L’analisi ha mostrato che i tre prodotti più competitivi sono olive, noci e fagioli.

olive

Il mercato globale dell’olio d’oliva ha attualmente un valore di $ 7 miliardi, in crescita a una media dell’8% all’anno. L’Albania è leader nella produzione di olive nei Balcani, ma attualmente rappresenta solo lo 0,6% della produzione totale dell’UE e non è nemmeno in grado di soddisfare le esigenze del mercato interno.

Nel tentativo di diventare globalmente competitiva nell’olio d’oliva, il governo albanese ha sovvenzionato circa $ 9 milioni di piantagioni di olivo nel periodo 2009-2015, nonostante l’aumento della base di produzione dal maggior numero di radici, la produzione non è prevista per raggiungere il potenziale dovuto alla pratica inefficiente di mantenere gli uliveti.

Secondo un’analisi del 2012 del settore olivicolo da parte della Commissione europea, l’Albania non può produrre volumi sufficienti per essere un attore importante nel mercato dell’UE a causa dell’estrema frammentazione degli uliveti. La dimensione media dei frutteti è di 0,2-0,4 ettari, rispetto a una media di 1,6 ettari in Grecia. Questa frammentazione rende la produzione inefficiente e incapace di beneficiare delle economie di scala. Come risultato di questa situazione, l’Albania continuerà a produrre in piccole quantità di olio d’oliva ea prezzi più alti.

Lo studio ritiene adatta la produzione di olio d’oliva biologico, che favorisce la qualità del volume. Circa due terzi degli uliveti dell’Albania sono considerati biologici, ma solo l’1% dei frutteti, o 515 ettari, è stato certificato come tale. Inoltre, i produttori albanesi si trovano di fronte a restrizioni normative all’esportazione verso l’UE. Agli agronomi albanesi mancano le conoscenze per gestire prodotti biologici con gli standard europei.

Melograno

Il Melograno è uno dei frutti più forti delle esportazioni di frutta e verdura in Albania, ma l’ulteriore crescita delle esportazioni è quasi interamente limitata al Kosovo, con il 62% del totale. La produzione di melograno viene eseguita per un breve periodo e pertanto richiede un lavoro intenso e condizioni climatiche buone. A causa delle condizioni climatiche favorevoli, l’Albania può essere un potenziale fornitore di buzzer nel mercato dell’UE. Inoltre, l’Albania è geograficamente molto competitiva per la produzione di melograno precoce, che viene venduta a un prezzo superiore rispetto alla stagione.

Mentre i costi di trasporto per il melograno dall’Albania sono inferiori rispetto ai concorrenti diretti, la logistica è inefficiente e le pratiche di produzione forniscono qualità e quantità non buone come in Grecia.
Le lacune nella certificazione di qualità, l’uso più efficiente dei metodi di produzione e la crescita delle varietà sono fondamentali per rendere competitivo il melograno. Fortunatamente, Boston è una delle più facili da imballare e certificare le culture.

Noci

La domanda nel mercato globale per i dadi si espanderà a un tasso annuo di oltre il 5% nei prossimi 10 anni. L’analisi identifica noci, nocciole e castagne, come l’elevato valore potenziale di esportazione. Analisi dice anche che ci vuole un sacco di fatica in tutta la catena del valore di diventare noci competitivi. La produzione di frutta a guscio è di proprietà di piccoli agricoltori e la mancanza di risorse logistiche di conoscenza per la loro coltivazione.

Ad eccezione delle castagne, la produzione di mietitrici è insufficiente a coprire le esigenze locali. Tuttavia, la produzione di noci è aumentata, principalmente a causa dei sussidi governativi nel 2009 che stanno iniziando a dare i suoi frutti. La più grande sfida dell’Albania nelle catene del valore è competere nel mercato globale. La sfida principale per le discariche è la frammentazione della terra, che ostacola lo sviluppo della tecnologia e migliora le economie di scala.

La nostra agricoltura non è competitiva

Il progetto di esperti di IFC ha rilevato che il valore dei prodotti selezionati in Albania è significativamente meno competitivo di quello dei produttori delle stesse culture in altri paesi. L’incapacità dell’Albania di competere con altri paesi mediterranei in cui vengono coltivate quasi le stesse culture avviene per due motivi fondamentali. Innanzitutto, la frammentazione della terra è elevata e ciò ostacola lo sviluppo dell’economia di scala in agricoltura.

Secondo, l’Albania non ha la forza lavoro qualificata in agricoltura. La mancanza di qualifiche e il basso utilizzo della tecnologia portano a grandi deficit di produzione agricola.

Inoltre, la qualità dei processi di certificazione albanesi non è sufficiente a garantire le esportazioni verso l’UE. La certificazione è un processo costoso per i piccoli agricoltori, che dominano l’agricoltura in Albania.

La frammentazione della terra ostacola l’agricoltura

L’agricoltura albanese non può costruire una catena del valore in prodotti redditizi, come frutta e verdura, a causa della frammentazione della terra. I prodotti benefici che sono stati presi in considerazione sono distribuiti alle piccole aziende agricole. Di conseguenza, la qualità del prodotto non è uniforme, la resa è bassa e i costi di logistica sono troppo alti a causa della frammentazione.

In un momento in cui gli agricoltori albanesi iniziano la raccolta, comportano un costo maggiore rispetto ai loro concorrenti nella regione sia nella produzione che nei trasporti. Le politiche di consolidamento del territorio non riescono a creare l’area di cui hanno bisogno per coltivare prodotti redditizi come l’oliva, il bastano, il temolo e il cavolo.

La concorrenza sul mercato dell’UE richiede un livello di sofisticazione più elevato rispetto a quello offerto attualmente dalle aziende agricole albanesi. La maggior parte delle piccole aziende agricole non sono meccanizzate, non hanno accesso al credito e, di conseguenza, non hanno la possibilità di apportare rettifiche dei costi. Questo si traduce in prodotti di basso valore, mentre gli esportatori albanesi non hanno alcun potere. Gli esperti consigliano che attirare investimenti stranieri in agricoltura sarebbe un motore per lo sviluppo di tecnologie e competenze, ma sfortunatamente l’ambiente normativo albanese non è attraente per gli IDE.

Coloro che hanno viaggiato in tutto il paese hanno visto appezzamenti stretta lingua di terra, uno piantato con mais e un pomodoro, a circa 100 metri con verdure e un terreno adiacente pacchi. Tutto questo perché il paese ha attualmente 350 mila piccole aziende agricole, la cui superficie una media generale non supera i 1,16 ettari. pacchi di superficie coltivati con un raccolto non supera 0,2 ettari.
Di conseguenza, l’industria di trasformazione che sta investendo pesantemente negli ultimi anni è stato in difficoltà a causa della produzione disorganizzato. Un produttore di vino non può sopravvivere quando, su 4 ettari di terreno ci sono quattro vitigni.

Tutta questa tragedia infelice che l’agricoltura sta vivendo oggi ha i suoi inizi nel 1991, quando per legge 7051 proprietari e famiglie registrati nel villaggio divennero proprietari della superficie pro capite. La terra fu inizialmente utilizzata per tre anni come misura stimolante per migliorare i mezzi di sostentamento delle famiglie che vivono in aree rurali profondamente sommerse al momento del cambio di regime. Anni dopo, nella grande maggioranza del paese, i governi non potevano più espropriare i beneficiari ai sensi della legge 7051 a causa del conflitto sociale che poteva essere creato.

Coperto dalla superficie dei terreni agricoli, solo 185 mila ettari stanno lavorando, di cui oltre l’8% lavorava ancora con gli animali e le ali e il resto del trattore. Le terre spoglie che non vengono sfruttate sono principalmente nelle contee di Valona, ​​Gjirokastra e Fier.
Mentre il distretto con una piccola area di terreno agricolo è Kukes, con solo circa 5 mila ettari di terra e Dibra con 13 mila ettari di terra. Le aree agricole più estese sono Fieri con 85 mila ettari, Vlora con 52 mila ettari e Elbasan, 46 mila ettari.

Gli esperimenti deludono

Alcune culture sconosciute agli albanesi provenienti dalla Cina, l’Africa è entrata nell’agricoltura albanese come mezzo per generare profitti rapidi. Ma dal momento che gli albanesi non hanno familiarità con queste culture, rischiano di fallire e di perdere i loro investimenti.
Nel frattempo, affrontando la loro crescita, le famiglie di agricoltori eviteranno anche i prodotti tradizionali per l’autoconsumo. Recentemente, lo zafferano, commercializzato come pianta ad alto profitto, sembra avere molto sacrificio dopo il prezzo affascinante.

Per un chilogrammo di polvere che costa fino a 10 mila euro, 15.000 fiori e oltre 600 ore di lavoro, senza contare i costi delle sementi e altri costi di crescita. Dopo il prezzo entusiastico dell’impianto ci sono costi elevati, ma gli esperti di Agroeeb, dopo aver studiato la coltivazione di questa coltura, hanno scoperto che la domanda di questo prodotto è soddisfatta da Grecia, Kosovo, Spagna e così via.

Per quanto riguarda lo zafferano, una nuova pianta sta dominando la coltivazione in Europa e la sta vendendo molto. La Stevia è un tipo di canna da zucchero, una pianta dolcificante, ma viene utilizzata dall’industria delle bevande, poiché non vi è zucchero. Le grandi aziende, come le bevande Coca Cola hanno iniziato a ordinare la coltivazione di massa per soddisfare le crescenti esigenze di ëmbëltuesin con lo zucchero zero. La pianta era precedentemente utilizzata come zucchero per i diabetici, ma ora i requisiti sono notevolmente aumentati. Un chilogrammo della pianta costa dai 30 ai 60 dollari. La Stevia ha iniziato a coltivare molti anni recenti in Europa e in particolare in Turchia.

Il pioppo canadese e il paulon cinese hanno attirato molti agricoltori. Negli ultimi due anni, dozzine di ettari di terra in tutto il paese sono stati piantati con paulonja. Ma il più vecchio investimento in questo settore non è durato cinque anni e non abbiamo ancora dati su quanto è guadagnato con questa cultura. Paulon, il cui legno è molto esigente nel settore dell’arredamento, in particolare per aeromobili e navi, sembra essere molto affezionato in Albania.

Un albero simile che ha iniziato a piantare è anche il pioppo canadese. L’albero è piantato in alcune aree dell’Albania Centrale su terreni non molto produttivi e utilizzati per la produzione di legno industriale. Tuttavia, poiché il tempo trascorso dagli investimenti al rendimento degli utili è lungo, non vi è certezza delle prestazioni dei prezzi sui mercati internazionali, quindi gli esperti del settore non consigliano la loro coltivazione. Sono trascorsi più di 5 anni dall’inizio della coltivazione, ma gli agricoltori non hanno ancora riportato vendite e profitti.

Raccomandazioni

Lo studio IFC consiglia alle autorità albanesi di supportare i prodotti identificati sia per la produzione che per l’esportazione. Questi prodotti possono essere stimolati parlando con le parti interessate, in quanto è vista come una soluzione emergente per la frammentazione della terra.

In primo luogo, l’esperienza della Banca mondiale suggerisce l’avvio di programmi di gestione della catena del valore in prodotti selezionati e lo sviluppo di una rete di servizi di qualità per i produttori al fine di raggiungere gli standard di qualità.

In secondo luogo, lo sviluppo di una forza lavoro produttiva. Ciò può essere realizzato migliorando la cooperazione tra aziende agricole e scuole

In terzo luogo, lanciare un programma pilota per educare gli attori attraverso le catene del valore del prodotto selezionato.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, contabilità, tassazione, diritto del lavoro, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
http://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com

https://www.jobinalbania.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...