Ricucire l’industria dell’abbigliamento in Albania

Ricucire l'industria dell'abbigliamento in Albania

L’Albania è diventata un importante centro per la produzione di abbigliamento, scarpe e accessori.

Di Clare Nuttall a Glasgow il 13 agosto 2021

Alcune figure di spicco dell’industria internazionale della moda e della bellezza prevedevano ottimisticamente nuovi “anni ruggenti” e un’esplosione dei consumi anche se la maggior parte dell’Europa è tornata in isolamento all’inizio di quest’anno. Per l’industria dell’abbigliamento albanese, che fornisce marchi famosi in Italia e all’estero, questo è un sogno lontano. Con gli ordini ancora lenti, per ora si tratta di ricucire lentamente un settore devastato dalla pandemia. 

Come in altri settori come la produzione di automobili e l’elettronica, che hanno anche complesse catene di approvvigionamento internazionali, il settore dell’abbigliamento e del tessile ha subito improvvisi shock della domanda e dell’offerta nei primi mesi del 2020. Le interruzioni iniziali delle forniture dalla Cina, seguite dalla chiusura delle fabbriche in L’Europa e altrove, mentre la pandemia si diffondeva in tutto il mondo, è stata accompagnata da un crollo della domanda poiché le persone hanno smesso di uscire – e in larga misura hanno smesso di acquistare nuovi vestiti – durante i blocchi della primavera 2020. 

L’onere è ricaduto particolarmente sulle aziende e sui loro dipendenti nei paesi a basso reddito, tra cui l’Albania, che riforniscono i mercati occidentali. 

Il settore tessile e calzaturiero è la singola categoria più grande nelle esportazioni dell’Albania; nel 2019 le esportazioni in questa categoria sono state pari a ALL118bn, il 40% dei ALL299bn di merci esportate durante l’anno. Di quel totale, ALL92 miliardi – quasi un terzo di tutte le esportazioni – erano prodotti tessili e calzature esportati in Italia. 

La forza dell’Albania in quest’area risale all’era comunista, quando la produzione tessile e dell’abbigliamento era uno dei settori più importanti dell’economia, con fabbriche statali che rifornivano la popolazione locale e producevano per l’esportazione. Il Kombinat Stalin Textile Mill nella periferia di Tirana impiegava oltre 2.000 persone nel suo periodo di massimo splendore. Oggi l’Albania non è più un grande produttore tessile e le sue fabbriche, ora di proprietà privata, molte delle quali da imprenditori italiani, importano materiali che vengono poi trasformati in indumenti o scarpe parzialmente o completamente finiti e poi riesportati. I dati su questo settore, soprannominato “facon”, sono incompleti, ma si stima che l’Albania abbia circa 1.000 aziende impegnate nella produzione di abbigliamento, che impiegano fino a 90.000 persone. 

A parte la precedente storia dell’Albania nel settore, l’industria del “facon” si è sviluppata grazie ai bassi costi dell’Albania – questo è un settore ad alta intensità di lavoro e l’Albania ha il salario minimo più basso d’Europa – e la sua vicinanza all’Italia, una delle capitali mondiali della moda . L’Italia, proprio di fronte al mare Adriatico rispetto all’Albania, ha una grande diaspora albanese ed è il principale partner commerciale del paese. Tipicamente, vestiti e scarpe vengono esportati quasi interi in Italia, dove i lavoratori italiani aggiungono gli ultimi ritocchi e il confezionamento, permettendo ai prodotti di uscire nei negozi con la prestigiosa etichetta ‘Made in Italy’.

In un solo esempio, Kler, un’importante azienda albanese CMT (cut, make and trim) situata sull’autostrada tra la capitale dell’Albania Tirana e la città portuale di Durazzo, fornisce camicie da uomo di fascia alta per marchi italiani tra cui Brancaccio C., Alex Doriani e il sito web di Cristiana C. Kler afferma che l’azienda “è orgogliosa della sua produzione di alta qualità, della capacità di consegna rapida, della posizione conveniente per i mercati dei tessuti dell’UE [e] dei prezzi competitivi con un basso costo della manodopera”. 

La pandemia colpisce 

Quando è iniziata la pandemia, ha avuto un impatto rapido ed estremamente dannoso sulle aziende e sui lavoratori nei paesi produttori di tutto il mondo, dove molti produttori già lottavano con il flusso di cassa e operavano con margini estremamente ristretti. Già nel marzo 2020, la Clean Clothes Campaign ha avvertito che le aziende stavano chiudendo in Albania e altrove a causa della carenza di materie prime dalla Cina combinata con il calo della domanda dei consumatori e la chiusura dei negozi, che ha portato i principali rivenditori internazionali ad annullare gli ordini (compresi alcuni già completati ) ed esigendo sconti su ordini già spediti.

Gli attivisti per i diritti di tutto il mondo concentrati sull’industria dell’abbigliamento hanno avvertito che l’onere finanziario della pandemia veniva trasferito alle persone più vulnerabili del settore, vale a dire i lavoratori nei paesi a basso reddito, molti dei cui datori di lavoro non erano in grado di pagarli per il lavoro già fatto. Un rapporto del Center for Global Workers Rights (CGWR) e del Worker Rights Consortium (WRC) ha affermato che le aziende di moda statunitensi ed europee hanno annullato o rifiutato di pagare $ 16,2 miliardi di ordini nell’aprile-giugno 2020, con conseguente perdita dei lavoratori tessili 1,6 miliardi di dollari di salari. Durante questo periodo, le aziende di moda nell’UE hanno ricevuto in consegna capi per un valore del 45% o 6,5 miliardi di dollari in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Negli Stati Uniti questa cifra è scesa di circa la metà o $ 9,7 miliardi. 

I lavoratori del settore dell’abbigliamento in Albania – circa il 95% di sesso femminile con un’età media di 31-35 anni – erano già in una situazione precaria in cui hanno dovuto affrontare molteplici violazioni dei diritti dei lavoratori e la sicurezza del posto di lavoro dipendente dal fatto che le loro fabbriche si assicurassero nuovi ordini. La situazione è immediatamente peggiorata quando il COVID-19 ha iniziato a diffondersi in tutta Europa. 

L’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) ha riportato “l’impatto immenso” della pandemia sulle industrie tessili, dell’abbigliamento, della pelle e delle calzature. “Misure di quarantena, chiusura di negozi al dettaglio, malattie e riduzioni di stipendio hanno soppresso la domanda dei consumatori. Allo stesso tempo, questo settore sta lottando con gravi interruzioni dal lato dell’offerta; mentre ai lavoratori viene detto di rimanere a casa, le catene di approvvigionamento si fermano e le fabbriche chiudono. Le donne nel settore dell’abbigliamento e delle calzature in Albania sono tra le più colpite dai problemi economici associati alla crisi sanitaria del COVID-19″, afferma un rapporto dell’ILO .

“Quando è iniziata la pandemia era molto difficile e nessuno sapeva cosa fare. In Albania tutto era bloccato. Tutte le aziende e le scuole sono state chiuse”, ha affermato Mirela Arqimandriti, direttrice esecutiva del Gender Alliance for Development Center (GADC) a Tirana, che negli ultimi cinque anni ha lavorato con donne e ragazze nel settore dell’abbigliamento in Albania. I sondaggi della GADC mostrano che molte delle donne che lavorano nell’industria dell’abbigliamento sono i capifamiglia nelle loro famiglie, con i loro mariti, ad esempio, che si occupano del lavoro quotidiano nell’edilizia o del lavoro stagionale all’estero. Molti hanno più di due figli e sono anche responsabili dei familiari anziani. 

Il governo albanese ha chiuso le fabbriche nel blocco iniziale nel marzo 2020, ma quelle del settore dell’abbigliamento sono state le prime a riaprire dopo che i proprietari delle fabbriche hanno fatto pressioni sul governo per consentire loro di continuare a lavorare. Secondo Arqimandriti, le donne che sono tornate al lavoro “sono state le prime ad essere infettate, in modo massiccio”, poiché le fabbriche sono diventate punti caldi per la diffusione del COVID-19. Anche quando nelle fabbriche che seguivano le linee guida del governo sulla disinfezione e distribuiva mascherine e disinfettante per le mani ai propri lavoratori, il virus continuava a diffondersi; il lavoro a cottimo svolto in molte fabbriche ha reso praticamente impossibile il distanziamento sociale. 

“C’è una certa distanza nelle fabbriche, ma le donne possono soffrire per la mancanza di un’adeguata distanza, ad esempio sui trasporti da e per i loro luoghi di lavoro o perché in genere ci sono solo uno o due bagni in ogni fabbrica”, ha affermato Eneida Mjeshtri del Centro per il lavoro Diritti a Tirana. 

Guardando all’impatto finanziario sui lavoratori, Arqimandriti ha affermato che quando le fabbriche hanno riaperto molte operavano a bassa capacità, offrendo ai loro lavoratori solo poche ore al giorno, con la retribuzione adeguata di conseguenza. Altri non sono stati in grado di venire a lavorare poiché le scuole chiuse significavano che avevano bambini piccoli a casa o senza i mezzi pubblici non potevano raggiungere i loro luoghi di lavoro. Mentre il governo ha esteso il sostegno ai lavoratori costretti a rimanere a casa dalla pandemia, ci sono stati casi di fattori che hanno licenziato i lavoratori a causa della riduzione della domanda e, una volta rimossi dal libro paga, non sono stati in grado di accedere al supporto. 

Secondo un rapporto di Reuters , il governo albanese ha concesso un pagamento una tantum di 40.000 ALL a 179.000 lavoratori dopo che 50.000 hanno perso il lavoro, anche nel settore dell’abbigliamento, e ha approvato garanzie sovrane per aiutare a pagare i dipendenti. Tuttavia, esperti del settore hanno dichiarato al newswire che la maggior parte delle aziende non è riuscita a garantire prestiti bancari nonostante la garanzia. 

A giugno 2020, 50.000 persone provenienti da tutta l’economia albanese erano state rimosse dal libro paga e dichiarate disoccupate. Mentre alcuni sono stati successivamente ripresi alla riapertura delle fabbriche, Arqimandriti afferma che ci sono poche informazioni sulla situazione attuale. Alcune aziende sono fallite, mentre altre hanno avuto difficoltà ad accedere al sostegno del governo incanalato attraverso le banche locali. 

Anche prima della pandemia, le condizioni non erano molto buone, Arqimandriti ed Eneida affermano che mentre l’Albania ha un buon codice del lavoro, basato sul diritto dell’UE, è mal applicato e i funzionari non hanno risorse sufficienti per monitorare efficacemente l’industria. Oltre ai bassi salari e alle lunghe ore nel settore – i lavoratori sono raramente compensati per gli straordinari – ci sono anche segnalazioni di altri abusi come norme di salute e sicurezza scarsamente applicate e molestie sessuali. 

Un rapporto del 2016 delle ONG Clean Clothes Campaign, Change Your Shoes, Berne Declaration e ENS mostra che la situazione è simile nelle fabbriche di abbigliamento in diversi paesi dell’Europa centrale e sudorientale. ” Lavoro con pochi soldi: le realtà del lavoro nelle periferie europee della produzione di scarpe in Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Polonia, Romania e Slovacchia” afferma che “condizioni di lavoro problematiche e in particolare salari molto bassi, si stanno verificando in modo endemico attraverso le catene di approvvigionamento globali in tutto il mondo”, con la sede in Europa non è una garanzia di buone condizioni di lavoro. Al contrario, “Nei paesi europei a basso salario, l’industria dell’abbigliamento e delle calzature è nota per la scarsa retribuzione e le cattive condizioni”.

Dalla moda ai DPI 

Un modo in cui le aziende sono riuscite a sopravvivere alla crisi è stato il passaggio dall’abbigliamento alla moda alla produzione di maschere per il viso e altri dispositivi di protezione individuale (DPI), anche se questo non era un volume sufficiente per avvicinarsi a compensare la carenza di ordini di moda per l’industria nel suo complesso. 

L’agenzia di sviluppo internazionale tedesca Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ) GmbH ha sostenuto l’industria sartoriale in Albania durante la pandemia. “La chiusura dell’industria della moda in Italia e in altri paesi europei ha ridotto immensamente la domanda di tessuti “made in Albania”. Secondo i nostri studi, solo nel 2020, la potenziale perdita del settore è stata di 180 milioni di euro”, un GIZ Il portavoce ha dichiarato a bne IntelliNews : “Nell’aprile 2020 GIZ ha iniziato a supportare le aziende di abbigliamento locali fornendo consigli su come certificare le loro linee di produzione per dispositivi di protezione individuale. Data l’elevata domanda in Germania, l’avvio della produzione di DPI ha permesso a queste aziende di funzionare”. 

GIZ ha consigliato alle aziende produttrici di garantire gli standard di qualità per l’abbigliamento protettivo e ha anche avviato una cooperazione tra aziende albanesi e tedesche attraverso le sue reti con le camere di commercio dei due paesi. Tra le aziende albanesi che ha sostenuto ci sono EfaSolutions, che dal giugno 2020 ha prodotto centinaia di migliaia di camici, che sono stati venduti a clienti in Germania. “EfaSolutions ha anche subappaltato ad altre quattro aziende tessili locali per soddisfare l’elevata domanda di DPI. Ciò ha contribuito a garantire quasi 600 posti di lavoro e creare 400 nuovi posti di lavoro nel settore tessile, che non si è ancora ripreso dalla crisi. Accanto all’abbigliamento, Efa Solutions produce ancora dispositivi di protezione nonostante la diminuzione della domanda di DPI, poiché ha costruito un sistema produttivo che garantisce qualità di elevati standard internazionali, 

Torna ai negozi 

Negli ultimi mesi le restrizioni sono state completamente o quasi revocate in molte parti dell’Europa e del Nord America, consentendo alle persone di tornare ai luoghi di lavoro, ricominciare a socializzare e partecipare agli eventi, andare in vacanza e tornare ai negozi. I dati del British Retail Consortium, ad esempio, hanno mostrato la crescita trimestrale più rapida mai registrata nelle vendite al dettaglio nel secondo trimestre del 2021. Le vendite al dettaglio in Germania hanno registrato un aumento più rapido del previsto a giugno, quando le restrizioni sono state revocate, mentre le vendite al dettaglio in Italia sono tornate. alla crescita nel mese. 

È un po’ presto per dire se la pandemia avrà avuto un impatto duraturo sulle abitudini di acquisto. Durante il lockdown, le persone hanno abbandonato indumenti così costrittivi come pantaloni, giacche e reggiseni su misura (un altro articolo popolare prodotto in Albania) in favore di jogging e felpe, se si sono presi la briga di cambiarsi del pigiama. Alcuni analisti e addetti ai lavori ritengono che il risparmio forzato durante i blocchi nel 2020 e nel 2021 avrà portato le persone a rivalutare la loro relazione con la moda veloce in particolare e ad allontanarsi dal consumo eccessivo verso acquisti più misurati e rispettosi dell’ambiente. La società di consulenza McKinsey si aspetta nel suo rapporto “The State of Fashion 2021: In search of promise in perilous times” che le vendite al dettaglio in Europa e negli Stati Uniti quest’anno rimarranno di qualche punto percentuale al di sotto del livello del 2019 e solo per una modesta ripresa nel 2022. 

Altri hanno previsto che dopo mesi chiusi in casa le persone si stanno già imbarcando in una frenesia di “consumo per vendetta” che alimenterà la ripresa post-COVID, con alcuni addirittura confrontando gli anni 2020 a venire con i “ruggenti” anni ’20 che seguirono la prima guerra mondiale e la Pandemia influenzale del 1918. In una telefonata con gli analisti, il CEO di L’Oréal Jean-Paul Agon ha previsto: “Quando il COVID [sarà] andato, le persone saranno felici di uscire di nuovo, festeggiare, socializzare e questo sarà come nei famosi ruggenti anni ’20. … Questa sarà la festa del trucco e delle fragranze.” 

Un’altra conseguenza della pandemia, potenzialmente positiva per l’Albania, è che le interruzioni della catena di approvvigionamento, come quelle tra i fornitori dell’Asia orientale e meridionale e i mercati europei, hanno indotto le aziende a ripensare le proprie catene di approvvigionamento per renderle più resistenti a tali interruzioni in futuro . Uno dei modi per farlo è “avvicinare” la produzione e l’Albania, insieme agli altri paesi dei Balcani occidentali e altri paesi europei relativamente a basso reddito come la Moldova e l’Ucraina, sono in una buona posizione per farlo.

Per informazioni sull’Albania e consulenze gratuite su contabilità, tassazione, diritto del lavoro, investimenti, internazionalizzazioni, delocalizzazioni, ricerca, selezione e formazione delle risorse umane, immobili, trasferimenti di residenza, certificazioni, non esitate a contattarci:

albaniainvestimenti@gmail.com

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype:italian.network
https://www.italian-network.net/https://albaniainvestimenti.com/

https://www.jobinalbania.com/

https://albaniaimmobiliare.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.