Albania: Esportazioni – anno 2017

Le esportazioni hanno registrato la migliore performance negli ultimi quattro anni, chiudendo l’anno a Lek 273 miliardi, ovvero circa 2 miliardi di euro, con una crescita annua del 12,1%. La crescita è stata guidata da due gruppi principali: “Tessili e calzature” e “Materiali da costruzione e metalli“, che insieme hanno contribuito alla crescita del 78%. La performance più negativa è stata registrata dal gruppo “Minerali, combustibili, elettricità“, l’unico in calo. La crescita, anche se più semplice in termini assoluti e con una piccola quota totale, sono stati anche gli altri gruppi “Alimenti, bevande, tabacco” e “Macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio“, mentre per “Prodotti chimici e plastici” “Articoli in pelle e pelle“, l’espansione era trascurabile. Ma nonostante la nostra crescita, le nostre esportazioni continuano a dipendere dalla forza lavoro a basso costo e dalla vendita di risorse naturali di materiali da costruzione, che rappresentano circa il 75% delle esportazioni totali, mostrando un basso livello di diversificazione e tecnologia. Le vendite di “tessuti e calzature” ammontavano a TUTTI 117 miliardi, rimanendo il principale gruppo che genera afflussi di valuta estera. Le esportazioni di questo gruppo sono aumentate del 10%. La destinazione principale rimane l’Italia, che ha rivitalizzato la domanda per l’Albania, sfruttando il vantaggio della vicinanza geografica e del costo della forza lavoro. Anche quest’anno, gli operatori di questo settore hanno chiesto a Monitor di aspettarsi un’espansione del 2017. Il peso dei “tessuti per calzature” sul totale è del 43%, a indicare un’alta dipendenza da un gruppo, che d’altro canto è in modalità processore e porta un basso valore aggiunto all’economia nazionale. Il secondo gruppo, che ha avuto la migliore performance nel 2017, è stato “Materiali da costruzione e metalli”, che ha raggiunto 34,8 miliardi di lek, con un incremento del 37%. La rinascita del settore minerario, la riconquista di Kurum, come nella fase di ristrutturazione dopo l’annuncio della bancarotta, hanno influenzato questa performance positiva. I gestori di aziende del cemento hanno sostenuto per Monitor che il 2017 è stato buono. Ad esempio, ANTEA Cement ha cercato di mantenere un livello considerevole di esportazioni principalmente in Italia, Montenegro e Malta. “Materiali e metalli da costruzione” sono stati il ​​primo gruppo più grande esportato nel paese per la prima volta, con il 16% del totale. “Minerali, combustibili, elettricità” sono proseguiti per il quarto anno consecutivo con prestazioni negative. Nel 2017, hanno raggiunto TUTTI i 43 miliardi, in calo del 7% su base annua, dimezzandosi rispetto al 2013 quando era buono. congiuntura sfavorevole dei prezzi del petrolio e il fatto che Bankers Petroleum, il più grande operatore del settore ha venduto parte della sua produzione IRTC Company, che ha sfruttato la raffineria ARMO hanno contribuito a questa performance. Anche l’energia non è stata nei suoi giorni migliori a causa della prolungata siccità. Il peso di questo gruppo è sceso al 15,8%, scendendo al terzo posto (nel 2013 era il gruppo più esportato del paese. Il quarto gruppo, il “cibo, bevande e tabacco” ha continuato la sua performance positiva, aumentando del 19% a 30 miliardi di lek. Positivo anche il gruppo “Macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio“, che è cresciuto del 34% a 15 miliardi di Lek. Entrare nel paese della compagnia tedesca Forscher Albania, che esporta cavi e cavi, ha avuto un impatto positivo. Altri gruppi hanno una quota relativamente bassa delle esportazioni totali. La bilancia commerciale peggiora Nonostante l’aumento delle esportazioni, questo non è stato sufficiente a migliorare la bilancia commerciale, poiché le esportazioni rappresentano il 43% delle importazioni. L’Albania continua ad essere profondamente deficitaria, raggiungendo TUTTI i 18,5 miliardi, con un incremento del 30% rispetto all’anno precedente. Le importazioni sono cresciute a tassi più elevati rispetto alle esportazioni, il che ha portato a un deterioramento. L’Albania ha acquistato beni dal mondo per 626 miliardi di sterline, ovvero 4,7 miliardi di euro, con una crescita annuale dell’8%. L’influenza principale su questa crescita è stata data dal gruppo “minerali, carburante ed energia”, seguito da “alimenti, bevande e tabacco” e “prodotti chimici e plastici”.

Fonte: INSTAT

 

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni e delocalizzazioni in Albania non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network

http://www.italian-network.net

https://albaniainvestimenti.com/

FaceBook: Italian.Network

LinkedIn: italian-network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...