Grecia, malattia cronica dell’Albania

Poiché le istituzioni locali lo considerano un problema alle loro spalle e non danno la dovuta attenzione, la crisi greca continua a flagellare lentamente quella parte dell’economia albanese strettamente correlata ad essa Sul viale “First Bird”, un autobus di viaggio è pronto per Atene. Il tavolo scrive “Tirana-Atene 50 euro” e rispetto a quasi un anno fa (la scorsa estate) quando le banche furono presto chiuse in Grecia, il prezzo è leggermente superiore. Questo è un segno di speranza per confermare che i movimenti stanno iniziando a salire e anche il commercio delle materie prime. Ricordiamo che la Grecia è stata il secondo partner della storia albanese nel commercio estero e ha spesso guidato la lista dei paesi investitori in Albania. Ma cosa ci sta succedendo in relazione al paese, la cui debole performance nell’ultimo anno, la Banca di Albania è stata costretta a ridurre le previsioni di crescita economica dello 0,5%. Dalla seconda metà dell’anno scorso sembravamo esserci lasciati alle spalle queste preoccupazioni. Anche il ministro delle Finanze in una conferenza stampa all’inizio di quest’anno ha notato che abbiamo già respinto gli effetti negativi della crisi greca. Ma la realtà non sembra completamente così. Per saperne di più su ciò che accade nelle agenzie di viaggio vicino al centro di Tirana, andiamo a chiedere. Rimani lì e capisci cosa sta succedendo. Rispetto ad un anno fa, il viaggio in Grecia, o da lì, è di circa il 30% in meno. Sempre più basso è il flusso, dice uno dei dipendenti mentre scrive sul computer. Afferma che gli unici viaggi da fare sono le visite ai parenti. Un fenomeno che ha cominciato a somigliare ai giorni in cui le banche sono state chiuse, è stato appena sottolineato. Parliamo delle rimesse che i parenti fanno ai loro figli lì. Non stiamo parlando di sottaceti in scatola o piatti tradizionali, ma degli alimenti più svariati nel supermercato e più soldi.
“Ci sono alcuni casi familiari che di tanto in tanto vengono inviati a bambini che hanno creato famiglie in Grecia”,
dice uno dei responsabili dell’agenzia.
Aggiunge che il fatto ha iniziato a notare che dopo la chiusura delle banche nell’ultimo anno, ma segue quasi allo stesso ritmo. o piatti tradizionali, ma i cibi più vari nel supermercato e più soldi.   E se per i piccoli uffici di viaggio, il flusso è diminuito, anche a causa della concorrenza, le grandi compagnie organizzate come Albatrans, almeno non hanno ridotto il ritmo del lavoro. Con la contrazione registrata circa un anno fa, tutti i mezzi di trasporto continuano a funzionare. I leader di questa azienda dicono “il flusso non è aumentato, mentre i problemi con i viaggi in Grecia continuano a rimanere gli stessi“.
Ricordiamo che per oltre un anno il governo greco ha stabilito che i trasporti nazionali, anche per tour organizzati o tour, sono condotti da compagnie nazionali greche.
Quindi qualsiasi altra compagnia internazionale, come Albatrans in questo caso, deve collaborare con un partner.
L’opposto non accade nel nostro paese. Dove, nonostante la richiesta da parte delle compagnie di viaggio di regolare il mercato, Cosa sta succedendo nel sud A differenza di quanto ci si aspettava, le imprese greche che operano nel Sud hanno creato un’attività sostenibile in quasi tutti i settori in cui operano.
Sta accadendo che gli investitori greci nel sud del paese hanno cambiato il loro tasso di scambi e di produzione. Uno degli imprenditori in Gjirokastra, l’ex capo della Camera di Commercio di Gjirokastra, per esempio, “il lavoro fasonistët personalizzato specificamente, greca per i paesi terzi, come la Germania, Francia, Norvegia, ecc Sulla base di questo fatto hanno aumentato la loro capacità di Gjirokastra, Tepelena e Përmet”. Ammette che con questa scelta, le imprese di proprietà greca hanno evitato la crisi del loro paese. Inoltre, il collegamento con altri mercati li ha aiutati a crescere e ad avere un impatto positivo sull’economia. “Entro il 2014, il numero di dipendenti in questo settore è aumentato del 30% circa”, osserva Mr. Devolli. La ripresa dell’occupazione nella zona ha influenzato la creazione di una società turca, che impiega 150 lavoratori dalla città e nei villaggi circostanti. Naturalmente, in questo settore, viene utilizzato uno stipendio molto basso di 22 mila le al mese. Le aziende incontrano problemi nell’esportazione in Grecia. Vendono meno, ma hanno difficoltà a liquidare le bollette. Rappresentanti delle istituzioni, nel sud, a vedere più chiaramente la tendenza dei Greci a sopravvivere con navicella finanziamenti europei. “Continua interesse commerciale greca di investire per sostenere i programmi dell’Unione europea per lo sviluppo delle aree transfrontaliere, ma le risorse comuni come quelli di estrazione di lavorazione della pietra, prodotti lattiero-caseari, altri prodotti alimentari”, dicono gli imprenditori della zona . Più che la crisi greca, le imprese del sud del paese dicono che sono aggravate dall’incremento delle imposte sul reddito e imposta sui dividendi.
Le importazioni, le più basse dal 2000.
L’anno scorso e i primi tre mesi di quest’anno, il deficit commerciale tra Albania e Grecia è migliorato. Secondo le statistiche dell’Istituto di statistica, le esportazioni sono aumentate per due anni consecutivi, in seguito al calo del 2013. Il loro valore era TUTTO 9,5 miliardi, ovvero il 7,6% in più rispetto a un anno prima. Nel frattempo le importazioni di TUTTI i 42,7 miliardi sono diminuite del 18% rispetto all’anno precedente. Hanno segnato il livello più basso negli ultimi 15 anni. Nei primi tre mesi di quest’anno, è stato notato che le importazioni e le esportazioni hanno segnato un lieve aumento, ma il lieve aumento del tasso di esportazione ha causato un miglioramento del disavanzo commerciale del 4,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Mentre l’economia albanese è coinvolta nella battaglia contro l’informalità, l’attenzione dall’effetto negativo della vicina economia, la Grecia, è cessata. Il governo, la politica, gli esperti sul campo stanno spendendo molte energie nel dibattito se la ferita interna contro l’informalità sta prendendo la strada giusta. Nel frattempo, l’infestazione che sta già accadendo dalla Grecia è rimasta nel destino. Piuttosto, questi mesi sono stati lasciati solo alle aziende che collaborano con il mercato greco, come le aziende di trasporto, le fabbriche di fason, le società commerciali e soprattutto i rimpatriati

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni e delocalizzazioni in Albania non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network

http://www.italian-network.net

https://albaniainvestimenti.com/

FaceBook: Italian.Network

LinkedIn: italian-network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...