I quattro settori più importanti nei Balcani

Le economie nella regione dei Balcani occidentali tendono ad essere diverse, piuttosto che fare affidamento su uno o più settori. In un’analisi della struttura dell’economia nei paesi balcanici, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) afferma che quattro settori rivestono un’importanza particolare: il commercio interno, l’industria, la pubblica amministrazione e l’agricoltura.

Il commercio interno, compresi trasporti e stoccaggio, alloggi e servizi di ristorazione, è, in media, il più grande settore delle economie dei Balcani occidentali, che vanno dal 18% del valore aggiunto in Albania, alla Serbia al 27% in Montenegro .

Mentre il sottosettore del commercio all’ingrosso e al dettaglio rappresenta circa il 15% delle economie della regione, l’importanza del sottosettore di alloggi e servizi di ristorazione in Montenegro, che dipende dal turismo, è dell’8%, che lo distingue dal resto della regione.

L’industria rappresenta in media un quinto del valore aggiunto, ma varia in paesi diversi. Il ruolo del settore è particolarmente importante in Serbia (dove rappresenta un’economia altrettanto importante nella UE) e in misura leggermente minore, in Bosnia e Kosovo.

La produzione è il sottosettore dell’industria predominante, soprattutto in Serbia, Macedonia e Kosovo. Il settore dell’industria secondaria, compresa la produzione di energia, è importante per la Bosnia e il Montenegro. Il sottosettore minerario svolge un ruolo marginale, che va dall’1 per cento dell’economia montenegrina al 3 per cento in Kosovo.

La pubblica amministrazione è il terzo più grande settore economico. Il settore comprende difesa, istruzione, servizi sociali e altre amministrazioni pubbliche, e in media rappresenta il 17% dell’attività economica.

Questo va dal 13 percento in Albania ad oltre un quinto dell’economia in Bosnia. L’elevato peso della pubblica amministrazione nell’economia della Bosnia riflette i molteplici strati del governo del paese, tra cui il governo centrale, i due governi delle entità e dei distretti, i governi cantonali della Federazione di Bosnia ed Erzegovina e l’amministrazione locale in tutto il paese.

In generale, la regione balcanica è piuttosto agricola-intensiva. L’agricoltura (insieme alle foreste e alla pesca) rappresenta in media il 12% del valore aggiunto, che va dal 7% in Bosnia-Erzegovina al 23% in Albania. L’agricoltura svolge un ruolo fondamentale nei Balcani occidentali, sia in termini sociali che occupazionali. Ciò è in notevole contrasto con l’UE-11, dove in media il settore rappresenta solo il 4 per cento del valore aggiunto lordo. La Serbia ha un vantaggio comparativo in agricoltura, principalmente a causa della fertile terra agricola nella provincia settentrionale della Vojvodina. Alcuni grandi produttori hanno potuto beneficiare delle economie di scala e dell’accesso ai principali mercati di esportazione, principalmente l’Unione europea, ma anche la Russia,

Gli altri cinque paesi hanno un’agricoltura meno sviluppata, principalmente per soddisfare i bisogni della famiglia.

La BERS ritiene che la regione abbia ancora potenziali sottosviluppati nel settore agroalimentare. Gli Stati, in particolare l’Albania, dovrebbero fare di più per consolidare le aziende agricole, migliorare la qualità della raccolta, lo stoccaggio e la commercializzazione e sviluppare servizi agricoli di supporto come le assicurazioni.

I sei paesi dei Balcani occidentali hanno un forte potenziale economico, ma hanno una grande sfida di convergenza rispetto a paesi comparabili nell’Unione europea.

Negli ultimi due decenni sono stati compiuti progressi in termini di cooperazione regionale per l’adesione all’UE e tali tendenze potrebbero continuare. Tuttavia, è necessaria una maggiore convergenza verso gli standard di vita dell’UE. La produttività aziendale è significativamente al di sotto degli standard dell’UE, a causa della mancanza di investimenti, di istituzioni deboli e di un contesto imprenditoriale difficile.

Un’analisi econometrica della produttività evidenzia problemi di debito societario e concentrazione del mercato. I manager aziendali rivendicano difficoltà

causato da attività di concorrenza nel settore informale. Altre questioni includono l’amministrazione fiscale pesante e le difficoltà nella normale alimentazione elettrica. La BERS rileva che la regione dei Balcani occidentali è povera rispetto ad altri paesi in transizione nell’UE.

Anche le economie dei Balcani occidentali non sono competitive a causa delle difficoltà nel contesto imprenditoriale. I paesi della regione sono scarsamente valutati rispetto ai paesi dell’UE per la competitività e il contesto imprenditoriale, come l’indice di competitività globale basato sulle percezioni del World Economic Forum e della Banca mondiale delle imprese.

Indagini aziendali suggeriscono che uno dei maggiori ostacoli al commercio è la concorrenza sleale del settore informale. Altri ostacoli importanti comprendono corruzione, elettricità e accesso ai finanziamenti.

Alcuni componenti della concorrenza sono particolarmente problematici.

Per informazioni e consulenze gratuite su investimenti, internazionalizzazioni e delocalizzazioni in Albania non esitate a contattarci:

info@italian-network.net

+39 0808806237 Voip (gratuito)

Skype: italian.network
http://www.italian-network.net
https://albaniainvestimenti.com/
FaceBook: Italian.Network
LinkedIn: italian-network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...